Stagione 2018/19

As Roma vs Florentia: l'analisi del match

Il modulo:

Mister Carobbi, così come all’andata, sceglie di cambiare il modulo per affrontare l’As Roma: sulla carta la Florentia si schiera con un 4-3-1-2 con Nencioni che però, in realtà, agisce più da prima punta, soprattutto in fase di non possesso, e Rinaldi e Nocchi molto esterne. La difesa è il reparto più martoriato dagli infortuni, dopo Filangeri, la Florentia perde anche Tona, ma ritrova Dongus, che stringe i denti e scende in campo al fianco di Hilaj.
La Roma si schiera con la classica formazione 4-3-3 e qualche problema in difesa dove Swaby e Corrado formano l’inedita coppia centrale.


La gestione della gara:

La Florentia gioca una buona partita, soprattutto nel secondo tempo, quando prova a infilare la difesa non velocissima della Roma, con lanci lunghi dal centrocampo su cui Nocchi si fa trovare sempre pronta, ma solo in un’occasione riesce a battere Pipitone. Le rossobianche partono con un po’ di timore e il pressing della Roma nel primo tempo è asfissiante, le giallorosse coprono tutti gli spazi rendendo difficoltosa anche una semplice rimessa dal fondo. La difesa della Florentia, seppur rimaneggiata, si chiude bene in campo aperto, ma mostra ancora una volta i propri limiti sui calci piazzati: 2 dei 3 goal della Roma arrivano da calcio d’angolo, Vanessa Bernauer pennella delle parabole insidiose, ma lo schieramento difensivo rossobianco ha sicuramente qualche colpa, anche se in occasione della seconda rete giallorossa non viene ravvisato il fallo su Marchitelli.

AS ROMA WOMEN FLORENTIA
20 Tiri 7
7 Tiri nello Specchio 2
12 Calci d’angolo 3

Dalle statistiche si evince una supremazia in fase offensiva della Roma che ha cercato con più insistenza la porta di Marchitelli, ma oltre ai goal, non si segnalano azioni clamorose, fatta eccezione per il salvataggio di Marchitelli sul colpo di testa ravvicinato di Piemonte.
La Florentia ancora una volta ha manovrato bene il pallone, ma è stata poco concreta e poco propositiva in avanti, di fronte a una difesa molto giovane (Corrado è una classe 2002 e Swaby era all’esordio) che ha mostrato qualche sbavatura e poteva essere più sollecitata.


Migliori in campo:

Florentia
Giulia Orlandi, ancora una prova di grande carattere in mezzo al campo della n.87 rossobianca che si sacrifica molto in fase di copertura e si propone spesso in avanti
Isotta Nocchi, il goal sbagliato che poteva regalare il pareggio grida vendetta, ma è l’attaccante della Florentia più pericolosa e segna la rete che riapre le speranza
Irene Lotti, seconda prova da titolare per la n.8 che dimostra una crescita costante, ancora non ha tutta la partita nelle gambe soprattutto ai ritmi elevati imposti dalla Roma, ma gioca una buona gara con personalità.

As Roma Women
Giada Greggi, il futuro della Roma e della Nazionale Italiana passano dai piedi di questa giocatrice che mostra ancora una volta tutte le sue qualità.
Elisa Bartoli, Capitano e anima della squadra giallorossa, sempre attenta in difesa, anche se meno presente del solito in fase offensiva, al primo vero affondo guadagna il calcio di rigore che chiude l’incontro.
Vanessa Bernauer, tutte le giocate passano dai piedi della n.10 giallorossa che segna e fa segnare mostrando tutte le sue qualità tecniche e tattiche.


Il prossimo avversario: Atalanta Mozzanica

L’Atalanta Mozzanica arriva a Firenze forte del secondo pareggio in Campionato conquistato contro la capolista. Le bergamasche hanno neutralizzato -e inguaiato nella corsa allo Scudetto- la Juventus Women dimostrando ancora una volta di essere una squadra da temere. Salendo a quota 20 punti in classifica, lo scontro con la Florentia, a quota 23, diventa importante anche in chiave 5° posto.
Le neroblu sono una squadra molto attenta in difesa e grazie agli innesti del mercato di gennaio (Caccamo, Jordan e Kelly su tutti) sono diventate ancora più pericolose in fase offensiva e le ultime partite lo hanno dimostrato.
All’andata finì 1 – 2 per la Florentia grazie alle reti tutte nel primo tempo di Dongus e Salvatori Rinaldi e a una buona gestione della manovra nella ripresa;
sabato 16 febbraio sarà un’altra partita, con Mister Carobbi che recupera Ceci in difesa (scontata la squalifica di 3 giornate) e lavora per velocizzare il rientro di Capitan Tona nel cuore della difesa.
Una partita tutta da seguire in cui la Florentia dovrà dimostrare tutto il suo carattere per portare a casa 3 punti fondamentali.

Share