US Pontedera 0 - 2 C.F. Florentia

Il C.F. Florentia torna a vincere e conquista 3 punti in uno scontro difficile: in trasferta contro il Pontedera le biancorosse si impongono 0 – 2 grazie alle reti di Gavagni e Lotti nella ripresa.


Il Florentia, a causa di infortuni e squalifiche, scende in campo senza attaccanti, con Mister Nicoli che deve ridisegnare la squadra cercando di puntare su un centrocampo di grande qualità.

Nel primo tempo le biancorosse sono partite più contratte rispetto al solito e non sono riuscite a impensierire la retroguardia del Pontedera.
Le uniche due occasioni sono arrivate dai piedi della rientrante Abati e di Gavagni, che però non sono riuscite a concretizzare. Sul piano difensivo il Florentia non ha subìto nulla e Picciafuochi non è mai stata impegnata.


Nel secondo tempo le biancorosse hanno cercato altre soluzioni offensive con lanci lunghi a scavalcare il centrocampo per giocare negli ultimi 30 metri e mettere pressione alle avversarie.
La prima vera occasione è però per le padrone di casa del Pontedera: su un’azione in contropiede, Fenili si è trovata a tu per tu con Picciafuochi che non ha potuto fare altro che fermare l’avversaria causando il calcio di rigore. Sul dischetto è andata D’Antoni, ma Picciafuochi si è riscattata con una grande parata che ha salvato il risultato.
Il Florentia ha saputo reagire trovando subito la grinta per cercare la vittoria.
Al 63’ è arrivato il vantaggio con Linda Gavagni, brava a controllare una palla spiovente, entra in area e batte l’estremo difensore granata per lo 0 – 1.
Le biancorosse non si sono accontentate del vantaggio e hanno subito cercato il raddoppio con Del Prete: con un gran tiro Priscilla ha trovato la traversa, la palla è rimbalzata sulla linea di porta, situazione dubbia con l’arbitro che non assegna il goal.
Ci ha pensato al 90’ Lotti, migliore in campo per il Florentia, a chiudere i conti: bella ripartenza palla al piede di Brito Ramos, subentrata a Gavagni da pochi minuti, palla a Nencioni che sola davanti alla porta ha deciso di servire Lotti ben piazzata e per la numero 8 biancorossa è stato un gioco da ragazzi siglare lo 0 – 2 che ha chiuso il match.


Abbiamo portato a casa un risultato importante” commenta mister Nicolici dà tanto morale e ci mantiene a 7 punti di vantaggio sul Pisa, un bel tesoretto a otto giornate dalla fine del Campionato. Mi è piaciuto l’approccio che ho visto nel secondo tempo, ma dobbiamo giocare con più serenità e tranquillità per uscire da questo momento in cui siamo fisicamente e mentalmente un po’ più contratte rispetto a inizio stagione. Lavoreremo in settimana con Alessio Risani e tutto lo staff per ritrovare quella freschezza fisica che ci ha sempre permesso di chiudere le partite nel primo tempo.


La formazione scesa in campo: Picciafuochi I., Pini (57’ Bonaiuti), Valgimigli G., Tamburini, Mazzella (57’ Pecchia), Aliaj, Abati, Del Prete, Lotti, Nencioni, Gavagni (86’ Brito Ramos).

Il tabellino: 63’ Gavagni, 90’ Lotti


Le giovanissime Juniores, impegnate nel “Torneo Città di Arco Beppe Viola”, hanno chiuso al sesto posto al termine di due giorni fantastici.
Le giovani biancorosse si sono finalmente scontrate con le loro pari età e hanno mostrato tutte le loro qualità.
Nel girone di qualificazione del sabato le nostre ragazze hanno pareggiato 1 – 1 contro US Isera con goal di Erriquez.
Nel secondo match è arrivata una bellissima e meritata vittoria contro il Voran Laives per 3 – 0 grazie alle reti di Pieri, Stoian e L. Orlandini.
Nel terzo decisivo incontro, al termine di una gara gestita benissimo dalle ragazze di mister Morrocchi sempre in controllo del gioco, il Verona ha avuto la meglio grazie a un rigore dubbio fischiato a tempo scaduto.
Per le biancorosse poi non c’è stato nulla da fare nella finalina per il 5° posto contro il Riccione. Le ragazze non hanno saputo reagire alla bruciante sconfitta contro il Verona e, complice anche un infortunio al portiere Silvia Schiavone, tra i pali si è dovuta presentare il capitano, Alessia Franchi.

Resta comunque un ottimo piazzamento per le giovanissime biancorosse e il ricordo di un’esperienza indimenticabile a uno dei tornei più importanti d’Italia.